Eritema a farfalla sul viso: quando la causa è la rosacea

donna-eritema-farfalla
donna-eritema-farfalla
L’eritema a farfalla è una manifestazione cutanea che può avere diverse origini e che può accompagnarsi a sensazione di bruciore e irritazione. Il suo nome deriva dalla forma ad ali di farfalla. Il rossore, infatti, si estende dal naso alle due guance, coinvolgendo anche gli zigomi e prendendo la forma di una farfalla. Alla base dell’eritema possono essere diversi fattori, come sbalzi di temperatura o esposizione al sole, alimentazione non corretta, stress, eccetera. Al tempo stesso l’eritema a farfalla può essere la manifestazione di diverse patologie, tra cui la rosacea.

Quando l'eritema a farfalla è un segno della rosacea

La rosacea è una malattia della pelle abbastanza diffusa, tant’è che si stima ne soffrano circa 50 milioni di persone al mondo. Si tratta di una malattia complessa e che si può manifestare in diverse forme che, in alcuni casi, includono l’eritema a farfalla. La rosacea eritemato-teleangectasica è la forma più diffusa di rosacea. Essa si caratterizza proprio per un diffuso eritema nella parte centrale del viso, accompagnata da vasodilatazione e spesso con sintomi di bruciore e vampate di rossore al volto. La rosacea papulo-pustolosa, a sua volta, oltre che con delle pustole si presenta con un eritema al volto. Infine, la rosacea fimatosa, che colpisce alcune parti specifiche del volto (mento, guance, naso, palpebre o fronte) ingrossandole, può a sua volta manifestarsi in alcuni casi con i sintomi di altri tipi di rosacea, come l’eritema a farfalla. Detto questo, va anche considerato che la rosacea colpisce le persone con gradi diversi. Per cui l’eritema a farfalla sul viso può presentarsi in forme lievi e appena percettibili, oppure in una varietà di gradazioni maggiori fino a manifestarsi con un eritema a farfalla persistente e molto intenso.

Cosa fare se l'eritema a farfalla sul viso è dovuto alla rosacea

La rosacea, pur essendo come detto una malattia abbastanza diffusa, viene spesso sottovalutata da chi ne è affetto, in quanto considerata poco più che un inestetismo della pelle del viso. Al di là dei casi di comorbilità, ovvero quando si è visto che la rosacea si accompagna ad altre malattie (cardiovascolari, diabete, celiachia, eccetera), su cui gli studi sono ancora in corso, è provato che la rosacea e le sue manifestazioni come l’eritema a farfalla, creano disagio sociale e psichico a chi ne è affetto. È stato quindi dimostrato che, riguardando una parte del corpo importante per la propria immagine come il volto, la rosacea e l’eritema a farfalla possono portare a isolamento sociale, difficoltà relazionali (anche nel lavoro), nonché a malessere psicologico dell’individuo. Poiché la rosacea è una malattia particolarmente complessa dal punto di vista medico, si consiglia sempre di rivolgersi a uno specialista. Il dermatologo potrà così, innanzitutto, verificare se l’eritema a farfalla è da intendersi come una manifestazione della rosacea. Nel qual caso lo specialista potrà individuare il tipo di rosacea di cui si è affetti e decidere il trattamento più adatto. Inoltre, il dermatologo potrà fornire al paziente una serie di informazioni non solo sulla patologia, ma anche sul tipo di trattamento, le eventuali recidive (ovvero il ripresentarsi dei sintomi dopo un lasso di tempo dall’interruzione del trattamento) e, in generale, incanalare correttamente le aspettative del paziente.

È opportuno rivolgersi ad un dermatologo, che valuterà la situazione e potrà indicare il trattamento della rosacea migliore per il singolo paziente.

Altri approfondimenti

donna con viso arrossato

Come alleviare il rossore al viso

Il rossore al viso può essere determinato da diversi fattori. Generalmente quando arrossiamo in viso si tratta di un fenomeno transitorio e di breve durata, che sparisce non appena i fattori che lo hanno scatenato si attenuano o cessano il loro effetto.

Vai all'articolo