Pelle del viso sensibile e rosacea

ragazza con pelle sensibile
ragazza con pelle sensibile

La pelle del viso sensibile costituisce una condizione per la quale la cute riporta, con maggiore frequenza o cronicità, irritazioni e segni del tempo. L’alta sensibilità della pelle può essere in parte dovuta a fattori ambientali ed in parte a fattori endogeni. Generalmente è la disidratazione, cioè la mancanza di acqua nei tessuti, la principale responsabile della pelle sensibile. L’alterazione dei livelli di idratazione della pelle può dipendere da agenti esterni o da alterazioni endogene, che provocano una più rapida evaporazione naturale. La pelle del viso sensibile è facile da riconoscere in quanto si presenta poco elastica, spenta e ruvida al tatto.

In genere chi ha la pelle sensibile ha frequenti manifestazioni cutanee, come rossore, bruciore e desquamazione, e ciò comporta non pochi fastidi. In età avanzata, con il naturale processo di invecchiamento, le persone con pelle del viso sensibile presentano più vistosamente segni del tempo come le rughe.
La pelle sensibile non va sottovalutata in quanto può essere anche dovuta ad una malattia della pelle del viso come la rosacea, i cui sintomi richiamano talvolta le manifestazioni cutanee associate ad una pelle sensibile.

Come funziona il processo di idratazione della pelle

La pelle si compone di diversi strati di epidermide e derma, sostenuti a loro volta da un terzo strato noto come ipoderma. L’epidermide è lo strato superiore, quello più esterno, non ha vasi sanguigni, ma tuttavia la diffusione di sostanze avviene attraverso i capillari presenti nel derma. Questi consistono in cheratinociti, responsabili della permeabilità e della struttura della pelle, e in corneociti. I corneociti sono composti per lo più da cheratina e lipidi intercellulari. È presente anche uno strato che fa da barriera protettiva ed è responsabile della regolazione dell’idratazione della pelle (esso è composto per il 20% da lipidi e per il 15% da acqua). Infine, troviamo una pellicola idrolipidica che, coprendo la barriera protettiva, previene la disidratazione.

Il processo d’idratazione della pelle è piuttosto semplice da comprendere: l’acqua che entra dal derma passa attraverso lo strato corneo, posto alla superficie dell’epidermide, dove poi evapora (perdita di acqua transepidermica).
Una barriera cutanea che presenta delle disfunzioni causa la disidratazione cutanea, una caratteristica tipica della rosacea.

Come trattare la pelle sensibile dei pazienti con rosacea

Una corretta cura della pelle aiuta a mantenere integra o ripara la barriera cutanea, riducendo i segni ed i sintomi che caratterizzano la pelle sensibile dei pazienti con rosacea. Diverse formulazioni cosmetiche possono seccare o irritare ulteriormente la pelle del viso, in particolare se si è inclini alla rosacea. Per questo motivo una cura impropria può gravare le manifestazioni nei casi di rosacea papulo-pustolosa o eritemato – teleangectasica. Naturalmente, quindi, è sconsigliato intraprendere cure o usare prodotti dermocosmetici senza aver preventivamente eseguito un consulto dermatologico. Solo il dermatologo può suggerire quali tipi di prodotti dermocosmetici siano più idonei per il paziente e potrà suggerire ulteriori accorgimenti per l’igiene del paziente affetto da rosacea.

Come essere sicuri che si tratti di impurità e non di rosacea

Quelle che solitamente vengono considerate delle “banali” imperfezioni o impurità del viso possono in realtà essere dovute ad una patologia infiammatoria cronica della pelle, chiamata rosacea. Generalmente, si tende ad ignorare o sottovalutare queste manifestazioni, siamo cioè spinti a non considerare l’eventualità di una patologia e ci limitiamo ad adottare i cari e vecchi “rimedi della nonna” o ad usare una crema per il viso sperando che le impurità spariscano magicamente.

Si tratta di comportamenti sbagliati che in taluni casi possono addirittura aggravare la nostra condizione. Per essere sicuri che non si tratti di impurità temporanee, dovute ai fattori precedentemente citati o ad alterazioni momentanee degli ormoni, non possiamo fare altro che rivolgerci ad un dermatologo. Soltanto così possiamo essere sicuri nell’avere una diagnosi corretta della nostra situazione. Il dermatologo, valutando i sintomi ed i segni clinici e conoscendo il nostro stile di vita, potrà facilmente capire qual è la causa delle impurità cutanee ed indicarci il percorso di trattamento più corretto.

È opportuno rivolgersi ad un dermatologo, che valuterà la situazione e potrà indicare il trattamento della rosacea migliore per il singolo paziente.

Altri approfondimenti

ragazza con pelle del viso mista

Pelle del viso mista e rosacea

La pelle del viso mista rappresenta un vero e proprio grattacapo per chi ne soffre. Solitamente si definisce in questo modo una pelle non omogenea che presenta sia una composizione grassa che zone secche e ruvide.

Vai all'articolo