Pelle secca e rossore come indici della rosacea

pelle secca
pelle secca

Pelle secca e rossore possono essere causati da diversi fattori. Non sempre ci troviamo di fronte a una patologia della pelle. Agenti atmosferici e stili di vita non corretti hanno un impatto diretto sul benessere della nostra cute e possono portare anche a secchezza e rossore della pelle.
Tuttavia, in alcuni casi queste manifestazioni cutanee, se relative al volto, possono essere dei campanelli di allarme e indicare una particolare malattia della pelle: la rosacea.

Pelle secca e rossore quando si tratta di rosacea

La rosacea è una patologia della pelle la cui diagnosi è abbastanza complessa. Essa può presentarsi con diversi sintomi e con diversi gradi di gravità. Alcune caratteristiche tipiche della rosacea sono l’eritema diffuso nella zona centrale del viso, accompagnato dalla dilatazione dei vasi sanguigni del volto. Qui il rossore si può manifestare con vere e proprie vampate che ciclicamente coinvolgono la cute dell’individuo. La rosacea può anche manifestarsi con papule e pustole o con l’ingrossamento (iperplasia) di una parte del viso (naso, orecchie, fronte). Il rossore e la secchezza della pelle possono essere accompagnati da senso di prurito o puntura, anche se non sempre questi sintomi sono presenti. Inoltre, la rosacea può manifestarsi anche nella zona del contorno occhi, presentandosi con secchezza, rossore, desquamazione e addirittura edema anche sulle palpebre. Non tutti questi i sintomi si manifestano necessariamente insieme e con la stessa intensità. Solo a titolo di esempio, esistono casi in cui l’eritema (con conseguente arrossamento e secchezza cutanea) si manifesta molto leggermente e con vampate di rossore sporadiche, e situazioni in cui eritema, secchezza e rossore sono persistenti. Stesso discorso vale per le papule o le pustole che possono essere presenti in misura maggiore o minore a seconda dei casi, così come la vasodilatazione sul volto che può essere appena visibile o arrivare a creare un vero e proprio reticolo ben evidente.

Rosacea con pelle secca e rossore, come trattarla

Data la complessità delle forme e dei gradi di gravità in cui la rosacea può manifestarsi, al fine di trattare sintomi come il rossore e la pelle secca, bisogna sempre rivolgersi a un dermatologo. Lo specialista potrà così valutare il caso del singolo paziente e optare tra le diverse terapie a disposizione. Queste posso essere fisiche (laser terapia o luce pulsata), topiche (creme, gel, lozioni), sistemiche (da assumere per via orale), oppure essere una combinazione delle stesse. Il dermatologo, inoltre, svolgerà una importante funzione informativa rispetto ai sintomi come il rossore e la secchezza cutanea e sulla loro eventuale recidiva, ovvero la possibilità che si ripresentino dopo un lasso di tempo dall’interruzione del trattamento. Infine, non va sottovalutata la funzione educativa dello specialista rispetto agli stili di vita da tenere per il paziente. Numerosi studi hanno dimostrato che alcuni cibi e alcune bevande hanno un effetto scatenante (trigger) per alcune manifestazioni della rosacea come la pelle secca e arrossata. Perciò il dermatologo potrà chiaramente indicare dieta e stile di vita corretti che facilitano il trattamento della rosacea e riducono le sue manifestazioni sulla pelle.

È opportuno rivolgersi ad un dermatologo, che valuterà la situazione e potrà indicare il trattamento della rosacea migliore per il singolo paziente.

Altri approfondimenti

ragazza con pelle del viso mista

Pelle del viso mista e rosacea

La pelle del viso mista rappresenta un vero e proprio grattacapo per chi ne soffre. Solitamente si definisce in questo modo una pelle non omogenea che presenta sia una composizione grassa che zone secche e ruvide.

Vai all'articolo